UNA Cremona - I NAS sequestrano il canile di Cremona - marzo 2009

Cronaca del sequestro del canile di Cremona operato dai NAS
Fonte: stampa cremonese


La Cronaca di Cremona
sabato 30 ottobre 2010

Blitz degli ispettori del Ministero
Nuovo sopralluogo al canile


Ne Comune ne Asl erano al corrente dell'arrivo dei tre funzionari e dei Nas. L'assessore Bordi: "Tutto in regola: complimenti per la gestione burocratica della struttura". Sugli avvelenamenti incontro in Azienda Sanitaria.
Un vero e proprio blitz. Tenuto segreto fino all'ultimo, tanto che stata davvero una sorpresa per tutti. E non solo per i voloniari dell'Associazione Zoofili che ieri mattina hanno aperto le porte del canile ritrovandosi davanti inaspettatamente tre ispettori del Ministero della Salute inviati da Roma, dal sottosegretario Francesca Martini, a Cremona per effettuare l'ennesimo sopralluogo all'interno della struttura. I funzionari ministeriali erano accompagnati dai carabinieri del Nas, gli stessi che si stanno occupando ormai da un paio di anni dell'inchiesta (e dei suoi vari rivoli) che vede al centro proprio il rifugio di va Vecchio Casello. LA SORPRESA E L'ISPEZIONE. Della visita non era stato informato neppure il comune - ente proprietario del canile - ne tanto meno il servizio veterinario dell'Asl - che ne ha la responsabilit sanitaria. Una scelta non casuale, come facile immaginare: il sottosegretario Martini ha voluto in un certo senso mettere alla prova tutti i soggetti coinvolti ed effettuare un'ispezione "pura", evitando possibili "aggiustamenti". L'idea del blitz sarebbe nata non molto tempo fa: c' addirittura una data, quella dell'11 ottobre giorno in cui a Perugia si tenuto un convegno che aveva per tema "I reati in danno agli animali e applicazione della Legge 189/2004". Convegno al quale hanno preso parte numerose associazioni animaliste, tra le quali la Lega per la Difesa del Cane, lo stesso ente che attraverso le sue numerose denunce in Procura ha fatto partire l'inchiesta sul canile. Ed il canile di Cremona stato una delle strutture al centro del dibattito con tanto di filmato. A quanto si appreso gli ispettori avevano un compito preciso: controllare l'operato del comune. Per questo gran parte della mattina stata spesa per verificare la parte burocratica, ovvero il nuovo sistema di annotazione di entrate e uscite dei cani, la microchippatura, le vaccinazioni nonch l'utilizzo di farmaci. Ovviamente, si sono svolte verifiche anche sullo stato psicofisico degli animali ospiti e le condizioni delle strutture. "II risultato stato positivo - ha affermato l'assessore Francesco Bordi - Anzi gli ispettori ci hanno fatto i complimenti per come gestita la parte burocratica. Per quanto riguarda la struttura stato apprezzato lo sforzo per migliorare il canile anche se ci sono ancora alcune cose da fare, ma che contiamo di mettere a punto entro la fine dell'anno". NUOVA INCHIESTA. Nel pomeriggio gli ispettori si sono recati all'Asl dove hanno steso la loro relazione e affrontato l'altra questione: L'avvelenamento e la morte di quattro cani all'interno della struttura avvenuta ad agosto. Sulla questione stata aperta una nuova inchiesta giudiziaria da parte del pm Cinzia Piccioni, gi titolare dell'indagine madre, mentre ai Nas stato affidato il compito di svolgere le indagini. Le autopsie sulle carcasse degli animali aveva confermato che ad ucciderli era stato un antigelo, sostanza che si trova nei topicidi. Si era ipotizzato che i cani avessero ingoiato il veleno mischiato a bocconi killer lanciati dall'esterno all'interno del canile. Ipotesi che per non ha avuto al momento alcun riscontro.
Bibiana Sudati




Torna all'indice delle notizie sul sequestro del canile